Coda d’inverno

Febbraio
mi fresa il cuore
e rimuove
depresse zolle.
Poi
accovacciato
sulle fascine
non disdegna
di farmi l’occhiolino
fumando
un sigaro toscano
e lisciandosi
i baffi brizzolati.
Fischia
la tramontana
tra le tegole
gira in vortice
fra i camini
e poi urla a flagellare
le olivete
in bianche mareggiate.
Alberi scheletrici
urtano
le braccia
e sollevano
questa nuda Anima
verso cieli capricciosi
dove
tra nuvole rammendate
spira odore
di Primavera…

Graziella Cappelli

 

2019-02-27T18:04:15+00:00

9 Commenti

  1. Piera Maria Chessa 27 Febbraio 2019 al 21:38 - Rispondi

    Molto bella, Graziella, mi piace molto. E mi piace questo febbraio bizzarro che prepara la strada alla primavera.
    Ciao, cara, spero che il blog mi permetta di postare il commento.
    Un caro saluto.
    Piera

    • Graziella 27 Febbraio 2019 al 21:52 - Rispondi

      Cara Piera, che felicità! É molto bello incontrarti.
      Grazie!
      Baci
      Graziella

  2. Paola 27 Febbraio 2019 al 22:38 - Rispondi

    Mi ha fatto sentire realmente l’odore dei camini, tra le tegole, nelle mareggiate degli ulivi. Graziella le tue poesie mi piacciono tanto. Un abbraccio, Paola

  3. Graziella 28 Febbraio 2019 al 11:51 - Rispondi

    Grazie di Cuore Paola. Sono veramente contenta che ti sia piaciuta. Un caro saluto.
    Graziella 🙂

  4. Graziella 28 Febbraio 2019 al 11:53 - Rispondi

    Un abbraccio Paola.
    Graziella 🦋

  5. Lorenzo 1 Marzo 2019 al 4:09 - Rispondi

    Pennellate d’autore con il vento che ti tiene la mano

    • Graziella 1 Marzo 2019 al 21:36 - Rispondi

      Grazie di cuore Lorenzo. Grande felicita’ il tuo commento.
      Un abbraccio

      Graziella

  6. GIOVANNA GIORDANI 2 Marzo 2019 al 18:31 - Rispondi

    Molto bella, affascinante! Complimenti!
    Giovanna

    • Graziella 5 Marzo 2019 al 14:47 - Rispondi

      Cara Giovanna, grazieeeee! Baci.

      Graziella

Scrivi un commento